Il 1° maggio 2012 si è svolta la consueta Festa del Tesseramento 2012 del Circolo ACLI di Uboldo presso la Sede Acli nel Centro Familiare Parrocchiale.

La manifestazione è iniziata con la celebrazione eucaristica nella chiesa parrocchiale nel corso della quale sono state benedette le tessere dei Soci e commemorati i Soci defunti.

La festa è poi proseguita nel Centro Familiare Parrocchiale ACLI con il saluto e ringraziamento da parte del Presidente del Circolo ACLI di Uboldo, sig. Pierino Merlini, al Parroco don Giancarlo, al Presidente ACLI della Provincia di Varese sig. Filippo Pinzone, ai rappresentanti dell’Amministrazione del Comune di Uboldo, Assessori dott. ing. Angelo Leva e sig. Ercole Galli.

Ringraziati tutti i presenti, il Presidente sig. Merlini si è soffermato sul discorso tenuto dal Card. Scola durante la Veglia di preghiera nella Basilica di Sant'Ambrogio, dove il Cardinale ha voluto sottolineare l'importanza del lavoro, la necessità di avere un'occupazione, di dedicarsi a un'attività che consenta di vivere, ma anche di esprimere tutta la nostra libertà e il nostro essere. Per il Cardinale il lavoro non è qualcosa di disgiunto dall'uomo, ma è qualcosa che gli appartiene profondamente e che tutti, quindi, dovrebbero avere: «L'origine del lavoro non sta primariamente in noi - ha detto il Cardinale -, ma in Colui che è il nostro Fattore. Pensiamo alla grande tradizione cristiana del segno della croce subito dopo che ci svegliamo, o della preghiera mattutina, oppure al gesto di partecipare alla messa feriale». Tutti piccoli gesti, secondo l'Arcivescovo, che già indicano un'azione, un'attività, un impegno, e che si inseriscono profondamente nella natura dell'uomo. Non solo, il Presidente Merlini ha illustrato con chiarezza che la Veglia di preghiera è stata anche un intenso momento di ascolto e di riflessione su quello che sta accadendo nella nostra società: “Nei primi mesi di quest'anno solo in Lombardia hanno perso il lavoro 21 mila persone, una soglia che fu superata solo vent’anni fa. È aumentata nel contempo la cassa integrazione ordinaria (+ 35%) e quella in deroga (+60%), e la crisi coinvolge anche i giovani che non possono più negoziare il loro talento: più del 20% in Lombardia sono disoccupati, percentuale che sale al 32% in Italia. Per non parlare della situazione degli stranieri che hanno impieghi precari, malpagati, e per i quali aumenta il numero di coloro che non trovano neanche un lavoro”.

Ha fatto seguito il pensiero religioso del parroco don Giancarlo che ha rimarcato la centralità del lavoro “il lavoro è fatto per l’uomo”; di conseguenza occorre rivedere lo stile di vita che deve essere nel segno della sobrietà, solidarietà, apertura “all’altro”; don Giancarlo ha poi messo ben in evidenza che la chiesa è sempre stata vicina al mondo del lavoro, vedasi in particolare le encicliche papali ed il programma di catechesi del prossimo VII Incontro Mondiale delle Famiglie sul tema “La famiglia: il lavoro e la festa”. Non solo, il lavoro non deve essere visto “solo come stipendio” ma soprattutto come crescita della persona e della sua dignità

E’ seguita la riflessione sul “Mondo del Lavoro” del nuovo Presidente Provinciale Filippo Pinzone.

La relazione ha subito evidenziato nella provincia di Varese un tasso di disoccupazione, per gli uomini, del 7,7% nel 2011 rispetto al 3,5% del 2008 e, per le donne, del 9,4%nel 2011 rispetto al 7,7% del 2008. I dati fanno poi emergere un grande disagio occupazionale in particolare per i giovani e per le donne. Al fine di aiutare l’inserimento dei giovani ed il reinserimento di soggetti oltre i 45 anni nel lavoro, le ACLI di Varese con l’ENAIP hanno individuato un servizio finalizzato a trovare occupazione, con una formula innovativa di 2 progetti che si basano sulla Formazione, non intesa come semplice orientamento né della solita formazione che si conclude con un tirocinio senza prospettive, ma con il coinvolgimento diretto di aziende del territorio. In questo caso le aziende – Supermercati - sono coinvolte fin da subito e definiscono i propri fabbisogni, in vista di offrire un lavoro; nei casi in esame sono già state fatte le selezioni ed individuati 20 giovani e 20 persone con più di quarantacinque anni.

Subito dopo il presidente Merlini ha dato la parola ai rappresentanti del Comune di Uboldo, invitato a partecipare, nella persona dell’Assessore all’Urbanistica, ing. Angelo Leva, e Assessore ai Servizi Sociali, sig. Ercole Galli, che nel fare il punto della situazione locale hanno messo in evidenza lo stato di crisi, l’aumento della disoccupazione in Uboldo, che dagli extracomunitari si estende ora e sempre più anche agli italiani; alle vecchie povertà si aggiungono le nuove povertà. A fronte di ciò gli interventi del Comune, quali lavoro accessorio, apertura dello Sportello lavoro, coinvolgimento delle aziende locali, hanno sortito esito ben lontano dalla necessità e dalle richieste. La crisi, i recenti provvedimenti governativi sul patto di stabilità e sulla tassazione IMU di certo non facilitano l’opera della pubblica amministrazione. Anche per gli assessori è quanto mai necessario una collaborazione di tutte le forze sociali del territorio, riprendere i gesti di attenzione al vicino di casa, fare rete tra le persone affinchè nessuno si senta lasciato solo. Gli spazi della comunione vanno coltivati giorno per giorno, occorre interloquire con il territorio.

Ha preso la parola la sig. Anna Bossi che invita a non abbassare la guardia ed a riprendere la strada della solidarietà. In particolare la sig. Bossi invita le donne a riprendersi quella solidarietà e sensibilità che è prettamente femminile e che può portare proprio le donne a intuire i bisogni ed a prendersi cura nella capacità di farsi vicini, solidali con chi soffre, rispolverando anche una nuova fantasia di fare carità.

A quanto sopra ha fatto seguito la consegna dei Premi “Aclino 2012” ai soci:

  • Cesare Dell’Acqua per la lunga e fedele militanza nella Famiglia Aclista, per l’impegno, e il proficuo lavoro nell’organizzazione delle Gite Sociali, Giornate di Spiritualità e visite culturali

  • Giuseppe Piazza per la lunga e fedele militanza nella Famiglia Aclista, per l’impegno concreto e la costante presenza in tutte le iniziative della nostra Associazione.

A questo punto vi è stata la programmata presentazione della Mostra: “ Orologi meccanici e Solari ”del nostro concittadino Marcantoni Antonio e curata dal nostro Socio Lino Ciceri.

Ha fatto seguito la distribuzione delle Tessere Acli e consegna dello Statuto della nostra Associazione ai nuovi Soci.